CANTO TERZO

Picchio e Zigolo raccontano la trasferta a Bruxelles – Storia di Picchio – Risse e rapine – Il furto del treno.

A Bruxelles appena siamo arrivati subito di fronte alla stazione c'era un'armeria e Codone mi dice dài Picchio prendiamoci un po' di razzi per fare un po' di coreografia allo stadio entriamo in gruppo 7 o 8 e chiediamo di farci vedere le pistole lanciarazzi c'erano di tanti tipi le hanno tirate fuori intanto Orchetto ha preso su un fucile grosso da caccia grossa da elefanti che era lì appeso c'era un vecchio gobbo che era il padrone e gli ha detto di lasciarlo giù Orchetto non voleva allora tutti a gridare contro il gobbo che tentava di strappargli via il fucile dalle mani intanto io avevo visto una browning 8 millimetri bellissima era scoppiato un casino tutti gridavano spingevano nessuno mi ha visto l'ho presa e sono uscito di corsa poi dietro sono usciti sparati anche gli altri con i lanciarazzi hanno buttato via le scatole vuote davanti al negozio e via di corsa come razzi ci siamo dispersi io sono andato in giro per il quartiere a luci rosse a minacciare le puttane col cannone dopo 10 minuti hanno circondato il quartiere perché dicevano che c'era un pazzo squilibrato in giro con una pistola nel quartiere te lo ricordi Zigolo

me lo ricordo sì Picchio deficiente noialtri invece eravamo andati in un bar a mangiare a fare colazione a andare al cesso siamo arrivati a Bruxelles la mattina alle 8 c'era l'esercito perché loro erano inferociti per l'Heysel la partita la facevano nello stesso stadio ci odiavano perché avevano fatto una figura di merda la colpa dei 32 morti l'hanno data agli inglesi ma non è vero un cazzo perché lì c'è uno stadio che se cammini sui gradoni vengono giù i calcinacci lo stadio di Heysel è su una montagnetta tu vai su questa montagnetta entri dentro lo stadio e c'è il muretto che è alto così i cessi sono un pezzo di quel muro c'è l'acqua che cade giù per pisciarci contro e i gradoni sono di terra con i bordi di pietra come i marciapiedi e come recinzione c'è un murettino adesso ci hanno messo una rete per le galline ma lo devono buttare giù quello stadio lì d'accordo che gli inglesi sono degli animali ma se lo stadio era a posto non succedeva niente e se la polizia faceva quello che doveva fare non succedeva quel macello

mentre andavamo al bar eravamo passati lì davanti all'armeria e avevamo detto stai a vedere se passano qua il Picchio e i ragazzi vedi che cazzo combinano e detto fatto dopo 10 minuti che eravamo nel bar sirene da tutte le parti erano proprio il Picchio e i suoi che avevano svaligiato l'armeria avevano preso due lanciarazzi un po' di razzi e il Picchio si era presa la browning poi erano scappati via e niente noi siamo partiti per fare un giro in comitiva eravamo dei tranquilli c'era Fischione col suo cane nero Erasmo tutto storto con le gambe larghe alcolizzato perso c'erano Germano e Verdone c'era mio fratello la prima volta che era andato all'estero era un tipo che non c'entra con niente abbiamo detto andiamo a farci una canna abbiamo preso e siamo andati verso il quartiere a luci rosse che magari lì è un po' più tranquillo perché in giro c'era tanta polizia che girava dappertutto ci siamo fermati in una piazzetta a farci la canna abbiamo pippato e poi abbiamo detto andiamo a mangiare avevamo visto un posto di bistecche una steak house camminiamo e zang ci arriva addosso un blindato e ci blocca mentre siamo li che camminiamo

il primo poliziotto che è sceso era enorme alto due metri abbiamo capito che era una donna solo quando si è messa a parlare ci hanno perquisiti perquisivano tutta la gente quelli che avevano le sciarpe rossonere tutti i tifosi che vedevano in giro avevano messo il quartiere in stato d'assedio e tutto per colpa di quel deficiente del Picchio hanno cominciato a perquisirci è saltato fuori prima un fumogeno grosso che c'aveva dietro Bubo di quelli per fare le segnalazioni col fumo e poi nello zainetto della mia tipa la Lori quella che sta con me c'erano lì dentro 12 torce piccoline le più stupide del mondo quelle col manico di plastica rosso hanno trovato queste e hanno cominciato a gridare bomb bomb io gli ho detto non è bomb se vuoi te l'accendo ti faccio vedere e allora il donnone se l'è presa con me continuava a dirmi you you you mi ha preso mi ha buttato contro il muro mi ha perquisito un'altra volta calci per allargare le gambe strizzata alle palle you you

poi il donnone mi ha mollato perché non avevo niente e intanto la Lori era sul blindato e fanno lei la portiamo via voi andate pure eh ma come gli faccio io ma quelli attaccano la sirena e via con la Lori noi andiamo allo stadio io vado a cercare i dirigenti che di solito c'è sempre qualcuno che è in contatto con l'ambasciata con qualcuno gli spiego la storia telefoniamo totale dicono che alle 5 la lasciano andare allora andiamo a mangiare poi siamo in un bar vicino allo stadio e cominciamo a bere a pippare io avevo detto alla gente se vedete la Lori ditele che sono qua perché quando era salita sul blindato quella cretina le avevo detto vuoi i soldi io c'avevo dei soldi lei ha detto no dài Zigolo mi ha detto tanto mi riaccompagnano loro e poi è partita via col blindato io ho detto alla gente se la vedete ditele che sono qua al bar perché le avevo detto eh Lori quando esci poi vieni allo stadio lei c'aveva il suo biglietto ma alle 5 quando l'hanno lasciata andare le hanno aperto la porta e le hanno detto adesso vai e basta e così lei ha preso su a piedi è arrivata allo stadio a piedi tutta trafelata e incazzata

arriva li e il primo che trova è lui il Picchio eh dai vieni con me un attimo la porta li vicino a una macchina dove aveva imboscato il cannone e le dice tienimelo te la Lori se lo stava mangiando gli fa ma rimbambito mi hanno appena mollato vaffanculo tu e il tuo cannone gli voleva menare intanto era arrivato Nibbio che prima era andato in Olanda a Maastricht da un suo amico a fare un carico e c'aveva questo zainetto con dentro un chilo di coca 6 chili di nero e 2 o 3000 ecstasi l'aveva lasciato fuori sul furgone noleggiato insieme al suo amico però dentro lo stadio ci ha portato degli assaggi e abbiamo fatto assaggi per tutta la partita poi siamo partiti e ci hanno tenuto in una stazioncina per una cifra di tempo Nibbio è venuto sul treno e il Picchio gli si è attaccato per averne ancora comunque dopo un'ora che eravamo li la gente ha cominciato a scendere a andare al bar hanno svaligiato due bar hanno portato via bottiglie e tutto a un certo punto la polizia è andata in paranoia perché sono cominciate a arrivargli giù le bottiglie vuote e sono partiti un gruppo di poliziotti coi cani sono saliti sul treno coi cani

nello scompartimento c'eravamo il Picchio che giocava con la browning se la girava in mano tutto il tempo c'era Nibbio col suo zainetto e io che stavo discutendo col Nibbio poi era venuto li anche Martino ma gli abbiamo detto guarda che questo scompartimento brucia tu è meglio che stai lontano perché sei un mandato di cattura vivente e così quando il poliziotto col cane passa lì davanti nel corridoio appena il Picchio vede il cane si spaventa gli cade il cannone per terra e di colpo il cane salta dentro abbaiando nello scompartimento noi abbiamo pensato che era per il fumo che era un cane da droga e ci siamo messi subito a gridare a prenderlo a calci a dare pugni al poliziotto li abbiamo buttati fuori il cane l'abbiamo rovinato col muso insanguinato e al poliziotto che parlava belga gli abbiamo spiegato che ci eravamo spaventati perché il cane era entrato così di colpo abbaiando e abbiamo avuto paura che ci mordeva poi alla fine se ne è andato e abbiamo dato una bella menata anche al Picchio a quel deficiente del Picchio

sono questi ragazzi quelli che fanno sempre i casini che hanno 12 o 13 anni come il Picchio quando aveva cominciato a venire con noi e che quando tornavamo distrutti sui treni di notte c'erano sempre questi qua che non avevano un attimo di pausa quando c'hanno la pausa cadono giù crollano in mezzo ai corridoi lì dove sono svenivano addirittura dalla stanchezza non stavano mai fermi io avevo il fumo glielo davo a loro da vendere e questi qua da 50 mila lire che gli davo tiravano su chissà quanto dovevano campare questi ragazzini tiravano su soldi dappertutto il Milan club faceva 30 mila gagliardetti da dare gratis loro prendevano i gagliardetti e li vendevano a 10 mila lire li trovavi sempre a trafficare con qualsiasi cosa andavi a Brema o a Lecce anni di treno questi qua ti raccontavano le loro storie ti raccontavano di quella volta che stavano al Beccaria che è lì vicino a San Siro e erano lì con le orecchie tese per sentire i rumori dello stadio quando c'era stata la semifinale col Real Madrid e loro erano dentro per un furto macchine o roba così erano finiti dentro

loro sono i ragazzini noi siamo più tranquilli loro invece ogni momento prendono vanno su e giù c'hanno l'adrenalina sempre cominciano a correre appena scesi dal treno finiscono quando torniamo a casa è una fuga continua specialmente quando si va all'estero perché poi lì c'è il fatto che mentre da noi siamo abituati a comportarci in un certo modo a stare attenti a non fare certe cose o certe altre invece se vai all'estero ti sembra di entrare nel paese dei balocchi lì c'è la gioielleria senza cler le autoradio nei negozi che non sono fissate e te le puoi fare tranquillamente e tutto così a Monaco i ragazzini li incontravamo per strada con gli zaini pieni di roba da vestire di dischi di bottiglie di tutto dillo te Picchio se non è vero eh sì Zigolo io lì quella volta a Monaco c'era un poliziotto che stava arrestando mio fratello Luì perché si stava riempendo di compact gli ha messo le manette a mio fratello c'aveva il giubbotto pieno di dischi noi lo abbiamo circondato in 20 e gli abbiamo detto se non gliele togli le manette te le mettiamo noi intorno al collo il poliziotto gli ha tolto le manette poi l'abbiamo fatto rotolare giù dalle scale a calci il poliziotto

io al Beccaria ci sono andato la prima volta perché avevo commesso una rapina a mano armata mi hanno detto ti diminuiamo la pena se vai in collegio avevo 14 anni in questo collegio non mi facevano andare alla partita io ci sono stato 6 volte al Beccaria la prima a 14 anni poi la seconda a 15 a 16 c'è stata una pausa poi a 17 due volte anzi tre abitavo a Quarto Oggiaro detto anche il Quarto Raggio poi a 12 anni sono finito a Gratosoglio perché non ci stavamo più dentro quella casa era piccola e siamo finiti a abitare a Gratosoglio mia madre lavorava in un asilo nido l'anno prossimo va in pensione mio padre è diviso da mia madre non gli è mai fregato niente della famiglia di niente siamo quattro fratelli e una sorella io andavo a rubare perché mia madre di soldi non me ne poteva dare andavo a rubare per andare allo stadio per i miei divertimento per farmi gli spinelli mi hanno beccato in un supermercato e allora mi hanno mandato in quel collegio per vedere se riuscivano a redimermi sulla strada giusta in quel collegio dei salesiani

mio padre lo vedo domani vado a lavorare con lui ha trovato un lavoro deve demolire una villa in piazza Axum lì dietro lo stadio lui non mi ha mai dato un cazzo mia madre nemmeno e allora andavo a rubare quando sono andato dai salesiani ti facevano pregare la mattina fino alle 8 io ho già mia madre che è testimone di Geova e mi bastava poi mio fratello più piccolo Luì adesso c'ha 15 anni e anche lui l'hanno messo in una comunità di ragazzi che non vanno a scuola come me noi siamo proprio squlibrati di famiglia mio padre ha mollato mia madre 20 anni fa comunque io quando ero in collegio il sabato pomeriggio saltavo dalla cancellata della piscina che erano 5 metri saltavo giù per andare alla partita facevo la notte di sabato in giro da qualche parte macchine rubate roba così e la domenica mattina andavo allo stadio o se c'era la trasferta col pullman che partiva la notte andavo lì dove si prendeva il pullman

c'è stata una domenica che non mi hanno lasciato andare alla partita perché sabato mi hanno chiuso in infermeria con la porta blindata e sbarre alle finestre io ho tentato in tutte le maniere di rompere i vetri di levare le sbarre non ci sono riuscito ma la domenica dopo c'era la Juventus e allora sono scappato via il venerdì in modo che così li anticipavo allora loro cominciavano a chiudermi dentro da venerdì e così l'ultima volta sono scappato il giovedì ho avuto 19 denunce di scomparsa da questo collegio poi dopo lo stadio andavo a casa e il lunedì mi venivano a prendere i carabinieri e niente hanno tentato in tutti i modi di raddrizzarmi in questo collegio ma alla fine non ci sono riusciti il direttore mi ha cacciato via dal collegio e per concludere gli ho rubato una macchina fotografica da due milioni e mezzo mi è venuto a cercare a casa e mi ha detto Picchio tu mi hai rubato la macchina fotografica eh può anche darsi gli ho detto io però non gliela ridò la macchina fotografica

poi sempre le stesse storie scappare non scappare denunce per risse perché facevo risse denunce per rapine al passante perché rubavo alla gente che passava per strada gli portavo via i soldi la borsa ero sempre alla ricerca di storie per fare i soldi per andare allo stadio e per le altre cose una volta sono andato a Pavia per una partita Pavia-Piacenza abbiamo fatto gli incidenti in curva perché c'erano dei tifosi juventini noi li chiamavamo infami quelli si sono scatenati a chi infami è successa una rissa io avevo 14 anni sono andato a prendere il più grosso gli tiravo gli schiaffi stavo un gradino più in alto di lui quello saliva più su di un gradino ma io salivo sempre un gradino più su di lui per tirargli gli schiaffi e alla fine non ci ho visto più sono andato da quello che faceva i panini gli ho rubato il coltello e l'ho cercato per tutta la curva fortuna che non l'ho trovato più quello lì nella curva

sono sempre andato allo stadio anche con la diffida la diffida me l'hanno data per gli atti di violenza commessi a Verona mi hanno trovato con un coltello grosso così in procinto di usarlo diceva l'accusa io ho detto che mi serviva per tagliare i panini non mi hanno creduto mi hanno fatto il processo a Venezia e mi hanno dato la diffida di andare in tutti gli impianti sportivi per un anno la diffida te la danno se sei pericoloso per l'esito finale della partita se puoi compromettere il risultato ma allo stadio io ci andavo lo stesso poi quell'anno mi hanno arrestato perché un tossico mi aveva chiesto una sigaretta i carabinieri erano dall'altra parte della strada e hanno detto che io gli avevo dato la roba a questo qua lo hanno controllato in tasca c'aveva la siringa acqua e tutto quanto ma io non gli avevo dato niente mi hanno fatto il processo hanno fatto una perizia la roba era tutto taglio e così assolto al processo

me non mi hanno mai condannato solo un paio di volte mi hanno mandrillato una volta per uno spinello che avevo dato a uno mi hanno fatto fare due mesi e mezzo poi l'altra volta che eravamo io e uno che avevo conosciuto al Beccaria eravamo con una Golf rubata volevamo farci uno spinello allora andiamo da questi travestito gli faccio mi dai l'accendino che devo farmi uno spinello questo travestito non me lo voleva dare per cui abbiamo scippato questo travestito gli abbiamo preso la borsetta e siamo scappati via con la macchina poi una pattuglia ci insegue e avanti via guidavo io ma a un certo punto c'avevo un camion davanti e non potevo passare c'avevo la pattuglia dietro ho tentato di mettere la retromarcia ma mi sono trovato con un cannone qua se ti muovi ti faccio secco no no e chi si muove mi hanno messo le manette mi hanno dato no la rapina non me l'hanno data perché il travestito non mi ha neanche denunciato però mi hanno dato il furto dell'auto e mi è andata bene perché ero ancora minorenne quando me l'hanno dato

ma la macchina della polizia non l'avevo rubata io quella storia che raccontano in giro è la storia di un altro che ho conosciuto a San Vittore lì ho conosciuto uno che era dentro perché aveva rubato una macchina della polizia un'ambulanza e un treno aveva rubato di tutto questo qua era un po' squilibrato di natura non aveva il cervello ha rubato una macchina della polizia ha visto li questa macchina della polizia si è seduto su è partito è stato una settimana così in giro prima che lo beccavano mentre invece per rubare il treno lui faceva tutti i giorni la linea Milano-Saronno andava nella locomotiva e gli chiedeva al macchinista ma cos'è questo e a cosa serve quello e insomma un po' per volta si è fatto spiegare tutto si è imparato tutto e un giorno di notte è andato alla Stazione Nord ha preso una locomotiva è salito su è partito via con questo treno l'hanno fermato 4 stazioni dopo hanno bloccato tutte le Ferrovie Nord hanno bloccato i binari e sono saliti sulla locomotiva in 25 poliziotti lui suonava la sirena l'hanno bloccato mentre continuava a suonare la sirena



Indice Precedente Successiva