Secondo capitolo

Perciò scelse semplicemente di andare dove avrebbe trovato piú caldo. Quell'anno l'estate dopo qualche settimana fresca e umida terminò con alcuni giorni di un caldo accecante che toglieva il respiro. C si alzò e avanzò sul tappeto a passi felpati facendomi cenno di seguirla. Farò quello che mi piacerà gridò C nessuno mi può dire quello che devo fare. In serata era piovuto e un forte e buon odore di terra calda si mescolava a quello dei pini che profumano la brezza proveniente dal lago. Piú tardi come si è detto andò a abitare con C in una grande casa bianca dalle finestre alte e il tetto spiovente. La casa era poco distante in fondo a una strada stretta. Le torce accese o la luce di piccole lucerne di pietra che bruciano grasso animale di cui sono stati trovati gli esemplari permettono di ottenere solo le frammentarie e fugaci visioni dei colori e delle linee degli oggetti dipinti. C accettò e restò a dormire con lui. Il corpo sottile giace sdraiato con la parte superiore leggermente sollevata e la testa appoggiata su una delle braccia. L'indomani mattina uscimmo dall'albergo con un taxi e ci facemmo condurre all'aeroporto. Percorre la Val Bedretto km 17 c. fino ad Airolo quindi la Val Leventina km 35 c. fino a Biasca e la cosiddetta Riviera. Gode di un'assoluta libertà di direzione come dimostreremo nel corso della presente opera. La luce del giorno dileguava rapidamente. Le figurazioni delle caverne appaiono e scompaiono da un momento all'altro. Doveva essere accaduto qualcosa. Non può venire. Non ho visto nessuno mentre venivo. La cosa piú importante per me è capire ciò che mi succede. Tutto ha colore nero nerissimo. Stai fermo. Cosa vedi guardati intorno. Cosa hai fatto.

Dove sei stata. Inventa tutto. Il sermolino Thymus serpillum il papavero luteo delle Alpi Papaver alpinum var. achantopetala il ranuncolo amaro nordico Ranunculus acer borealis ne sopravvive qualche esemplare nelle Alpi il Thalictrum alpinum l'Atragene alpina var. sibirica. Fino ad averne abbastanza. In seguito questa parola era sufficiente a produrre la contrazione delle arterie. La sua voce normalmente bassa e velata tremava un po'. Avanzavano con grande rapidità e si trovarono ben presto a portata di voce. Cominciò a muoversi piú veloce. Partimmo un'ora dopo e a C scendemmo all'albergo. Ti telefono se vuoi. Mentre state al telefono pensate che il tempo fugge che avete un milione di cose da fare. Era certamente diverso da C. State sdraiata sul divano coi telefono per terra e muovendovi in continuazione. Non può venire. Non mi hai mai scritto disse C. Si alzò apri la porta. Tutt'a un tratto torno a sedersi davanti allo specchio e apri la bottiglietta. C vive sotto una tale pressione mentale che è virtualmente costretto a parlare ad alta voce per la maggior parte del tempo. I minuti scorrevano lenti. Camminò sul prato tra gli alberi. Era piena di gioia di vivere mentre chiacchierava con le due ragazze al suo fianco che ridevano a qualcosa che lei aveva appena detto. Ad un tratto stetti in apprensione per C e respirai di sollievo quando la rividi. Ritornò con una lettera che era arrivata mentre eravamo a C. Be' ti muovi. In questa veduta non sono stato capace di scorgere nulla piú di quanto avevo visto nella precedente. Quando lessi questi testi non solo li trovai insignificanti ma non riuscii a scorgere alcun elemento per il quale essi si riferissero al tema prescelto.

A causa di ciò la distanza di ripresa è notevolmente piú corta dell'ampiezza della vista. Il sentiero scendeva dolcemente poi curvava e seguiva un torrente che era quasi completamente nascosto alla vista dalle folte ginestre e dai biancospini che crescevano sulle sue sponde. La strada sale dopo poche centinaia di metri e s'inerpica con frequenti curve sulla collina permettendo visioni sempre piú vaste del lago. Con entrambe le narici chiuse e concentrando lo sguardo sulla punta del naso trattenete il respiro piú a lungo che potete. Fuori dalla finestra la luce era diffusa e morbida. Confusamente pensò che la coperta era rimasta nell'altra stanza dal mattino. Rilassate le braccia di colpo. Tirò su il lenzuolo fino al collo mise giú il ricevitore allungò un braccio e gli carezzò il viso. Tutto l'interesse è accentuato nell'armonioso rapporto fra la curva delle cosce e quella dell'addome. Dev'essere ancora ricordato il problema delle massime distanze di ripresa. Se puoi metti queste quattro nella stessa posizione di prima. Apri la mano. Proviamo a lasciare allora. Vicino alla finestra. Queste distanze sono realmente presenti nel Mare Mediterraneo. Rilassatevi di colpo e riposate. Dopo un po' lei sospirò si rizzò e entrò nell'acqua. Voleva fare un bagno ma preferì telefonare subito a C. In quel tempo vivevamo unicamente col denaro che guadagnavo. Mi fa male l'alluce destro e allora cerco di appoggiare sempre il piede dalla parte esterna. Pagò il taxi portò in camera la valigia e ne tolse gli abiti con la cura e l'ordine tipici dell'uomo abituato a vivere da solo. Si guardò intorno. Manca il dirigibile C. Chiudi la finestra. E mi tiri via tutta questa roba qui. Chiuse gli occhi per non pensare.

A questo punto penso di nuovo di avere dinanzi una marina come prima anziché un paesaggio con l'acqua piuttosto agitata ma ancora il cielo nuvoloso e il sole brilla soltanto a chiazze essendo la luce diffusa. Camminò fino alla finestra a piedi nudi e appoggiò la fronte e il naso sul vetro tiepido respirando adagio. Poiché è desiderabile non solo una luminosità sufficiente ma anche un'elevata nitidezza del contorni e una certa brillantezza che sono indispensabili per la raffigurazione dell'immagine. Tuttavia non v'è traccia di colore. il motivo di questo fatto è da ricercarsi nell'acqua stessa a causa della dispersione di luce in generale e dello svariato materiale in sospensione. Tornò a sedersi sul letto. Secondo la mia esperienza la massima distanza di ripresa si aggira attorno ai cinque metri. Si mosse verso il basso la testa gli ricadde sul cuscino. Mettici un buco in mezzo e fallo un po' meno. Se non ce la fai non importa. Ma fece il nome di altri uomini. 11 suo viso esprime una grande sofferenza. Trascorse molto tempo prima che tornasse. D'improvviso nel riquadro della porta appare C con la barba lunga e in maniche di camicia. Affondato in una poltrona ai piedi del letto aspettava immobile che C si svegliasse. Con sorprendente energia C balzò in piedi e si versò ancora da bere. C si ravviò con la mano il ciuffo di capelli che gli cadeva sugli occhi e continuò. Tutte le direzioni sono di pari importanza. Continuare questo controllo per tre minuti. Non si ricordava piú dove aveva posato il bicchiere. Le telefonò di nuovo molte volte e l'invitò. Aveva il volto acceso quasi esultante. Perché acquista trasparenza. Senza buttare tutto per aria. Qui diventa un'altra cosa.

Era un uomo ben fatto e dalle spalle molto piú larghe di quelle che hanno normalmente gli uomini alti 175 cm. Che voi potreste godere piú appieno se non passaste ore e ore attaccata al telefono piuttosto che uscire e cercare dei contatti piú veri. Non ho chiesto di far nomi. Caduta di quella tensione ideale unitaria. Parlare eccitato o esclamazioni d'ira. Violenza verso gli oggetti inanimati. Crollo di tante generose illusioni. Risposte irose sarcastiche sgarbate. Riaffiorare di tradizionali debolezze e di vecchi retaggi storici sotto istanze intellettuali e morali che non avevano saputo maturare una autentica coscienza storica. Nausea o vuoto allo stomaco. Improvvisa uscita dalla stanza. Il cielo è pallido verso levante prima del sorgere del sole i cui raggi si rifrangono in una zona di nuvole bianche elevate a strati oppure a fiocchi che aumentano formando delle masse oscure e dense. Un attimo dopo la sentì muovere gli attaccapanni nell'armadio e richiudere la porta cigolante. Camminava a tentoni nella stanza per accendere la luce. Dopo dieci minuti tornò C e si sedette vicino a lei. Si allontanò impaziente e sedette sul letto le mani sulle ginocchia. Di nuovo nessuno parlò per un minuto o due. I minuti passavano C si chiedeva se doveva andarsene ma aveva la sensazione che lui desiderava la sua compagnia. C spense la luce mormorando. La mano aperta come per fermare la persona alla quale ci si rivolge. Quando andasti ad abitare con C ti parlò mai di denaro. Nel passare accanto al letto mise un piede su qualcosa di caldo molle e liscio. Le cosce erano linee parallele che poi s'interrompevano. La cassa sta esattamente nello stesso posto di prima. Prima non c'era. Poi cominciò a colare.

Cosicché le stesse casse che si trovano sotto obbediscono in certa misura alla sua tattica labirintica. Poi senti battere leggermente alla porta. C la scavalca e va verso le casse. Sollevare la testa le spalle il petto ed entrambe le gambe piú in alto possibile. C si calma temporaneamente. Si tratta di tre movimenti distinti non di un unico movimento continuo. Distesa a terra fronte in basso gambe unite mani sotto il tronco all'altezza delle spalle palme poggiate sul pavimento. Si baciarono ancora piano poi lui la lasciò. C gli mise le braccia al collo e si baciarono appassionatamente. Distesa a terra fronte in alto ginocchia piegate piedi sul pavimento braccia leggermente in fuori. C si protese e le lenzuola caddero di colpo in avanti. Alla fine ricadde sui cuscini. Spingere il tronco contro il pavimento contraendo i muscoli addominali e dorsali. C gli mise le braccia intorno al collo e si baciarono ancora a lungo con passione. Aveva le lenzuola tirate su fino alle spalle. C mormorò qualche cosa e poi la senti voltarsi per spegnere la luce. Si diresse verso la scala stretta e sali appoggiandosi alla ringhiera senza voltarsi a vedere che la seguisse ma sapendo che C le era alle spalle. C scende le scale in vestaglia. Non c'è piú caffè. C arriva dalle scale in vestaglia. Vi è una massa di nuvole chiare verso il centro del paesaggio con le nuvole che vanno oscurandosi man mano verso l'orizzonte. In bianco. Il terreno è leggermente ondulato con coltivazioni molto curate. C ritorna dietro la finestra. Il tempo è eccessivamente chiaro in modo che oggetti in generale invisibili si possono scorgere distintamente o si vedono sopraelevati per il fenomeno della rifrazione. Poi cosa si vede.

Poi C si mette contro il muro e resta voltata. D'improvviso ci fu una pressione soffocante un calore terribile un rombo nelle orecchie e un momento di dolore lancinante. L'ululato del tubo di vapore si allontanò da loro finché divenne un sussurro e infine cessò. Questi successi sentono di doverli a una società che avrebbe dovuto crollare sotto il loro impulso rinnovatore e che invece si è risollevata a poco a poco senza di loro nonostante la loro opposizione anzi coinvolgendoli un po' alla volta. Penso che non sia necessario disse C. Che c'è. C abbassò gli occhi. Fu C a rompere il silenzio. C sali lentamente le scale appoggiando i piedi in posizione perfettamente piana sul margine esterno dei gradini dove era meno probabile che le assi scricchiolassero. Adesso non ho piú mal di testa. C assenti con un cenno del capo. C la insegue mentre si insultano per l'appartamento. Mise sul tavolino i loro due bicchieri le prese le mani e la fece alzare in piedi. Senti sulle spalle la mano di lei. I suoi capelli le incorniciavano il viso con due onde morbide che arrivavano a sfiorarle le spalle. Continuava a sbadigliare. Bene disse C. Prende un libro e C la raggiunge. Era inginocchiamo in mezzo alla stanza coi gomiti appoggiati sul pavimento. Con le labbra le sfiorò una guancia poi la baciò sulla bocca. Mentre le volto le spalle e formo il numero al telefono si spoglia ammucchiando i vestiti su una sedia poi si sdraia sul letto sotto il lenzuolo la testa stretta tra i gomiti. Aveva riempito soltanto i due piani piú bassi e lui stava già disponendo i libri a metà dello scaffale. Gli occhi erano chiusi e il respiro affannoso. La temperatura si era notevolmente abbassata nel corso della notte. Mi è venuta un'idea.

Appoggiò il libro sul comodino accanto al bicchiere. Hai delle belle sopracciglia. Cacciò fuori la lingua corrugò la fronte si schiacciò la punta del naso con un dito. Lo disse senza forza senza convinzione. Quando vivevi con C vi aiutava qualcuno a pagare l'affitto. Mi alzo e cammino per la stanza. Intuendo che suo marito sarebbe ritornato sui propri passi C appoggiò nuovamente la guancia sul cuscino e chiuse gli occhi. Un rombo leggero arrivò fino a C poi si fece piú forte sempre piú forte. E parlavate di viaggi. Tornò a sedersi sul letto. Le pareti tremavano e trasudavano vapore. E dopo ho cacciato giú la saliva. Ritornò nella stanza. C rientra con altre casse vuote. Entrò nella stanza e si mise a sedere sulla poltrona senza guardarsi intorno. Ho detto ci sei non devi avere paura. In quel tempo vivevamo unicamente col denaro che guadagnavo. Va bene lì dove sei. Il pavimento rivestito di piastrelle cominciò a tremare sotto i loro piedi. Entra C ancora con casse vuote. I grandi occhi si chiusero per un momento. E ora dove ho messo le calze. Il fumo si stava diradando e cosi pure l'odore nauseante di ferro e vernice bruciati risucchiati dal condizionatore d'aria. Pareva bruciato senza piú illusioni. Doveva uscire dalla vita di quei due esseri e portare altrove il suo cuore deluso. Non c'erano mozziconi nel portacenere davanti a lui e l'odore della camera era perfettamente neutro. Niente rimpianti né inutili sentimentalismi. C senza guardarlo si alzò dal letto andò nel bagno e guardò fuori dalla finestra. C'è un oleandro contro la facciata della casa. Non si sentiva eccessivamente preoccupata per la sua situazione. Ho cacciato giú la saliva e mi sono gettata.

Si era ripromessa di vestirsi e truccarsi con cura particolare invece probabilmente per la stanchezza di quegli ultimi due giorni aveva dormito per tutta la mattina. Alzandosi e infilandosi il maglione. Riappese con cura il lungo abito da sera si tolse le calze la sottoveste apri un poco la finestra e andò a letto. E adesso bisogna ricominciare. Da quest'ultima serie abbiamo scelto le immagini che ci interessavano perché offrono migliori probabilità di scoprire segni di vita. Da quel punto si stende lungo la cerchia dei bastioni e raggiunge rapidamente gli incroci vicini. Viceversa altre linee chiare s'intrecciano l'un l'altra e non risultano tutte nettamente collegate col sistema dei corsi d'acqua proprio su queste abbiamo appuntato la nostra attenzione. Dopo periodi di eruzione gocce di dura acqua calcarea dai ruscelli montani filtrano attraverso le rocce e gradualmente depositano strati trasparenti sulle pareti o formano delle colonne stalattiti o stalagmiti che pendono dal soffitto e sorgono dal pavimento fino a incontrarsi. Celiando. Inoltre i fiumi scorrono di rado parallelamente a una costa o paralleli fra loro per lunghe distanze le strade invece seguono spesso la costa e non raramente corrono parallele l'una all'altra. Cambiando per la prima volta discorso. E poi incontrasti C. Chiesi di parlare con C. Il terzo nome non è completo. E quando ebbe raggiunto l'apice della sua carriera era inevitabile che dovesse sentirsi sempre piú un diseredato e un escluso. Era così perché lo temevo. L'ultima classe comprende indici fugaci di un movimento. Quando fu la prima volta che vi incontraste. E avesti rapporti intimi con lui? una sola volta. Alla fine si accorse che era insopportabile.

Poi alza un attimo il pacchetto e lo tende a C che scuote il capo. Quello che accade quando una donna esce con un uomo. A che pensi. Quinto sintomo la mancanza di affetti per cui ignora le tempeste affettive e i turbamenti passionali. Abbiamo considerato troppo breve il suo periodo operativo per tentare un'analisi dei cambiamenti stagionali. Né i limiti dei campi né C che dovrebbe apparire un po' a sinistra del centro dell'immagine sono visibili mentre appare di aspetto sorprendente la regione piú chiara verso destra. Lascia che ti guardi. Sono contento che tu sia arrivata prima degli altri. Malgrado questa restrizione i dettagli osservati furono sufficientemente abbondanti per trarre qualche conclusione. Poiché le caratteristiche lineari naturali non dovrebbero apparirci rettilinee per lunghe distanze né incrociarsi fra loro almeno una di quelle visibili sulla fotografia dovrebbe essere una strada. Tuttavia quasi certamente si tratta di una penisola naturale. Tuttavia anche molte sostanze inorganiche hanno il medesimo genere di spettro e la semplice osservazione di questo fenomeno non appare sufficiente per dimostrare l'esistenza di vegetazione. A quest'ora ero già li. Tensione del corpo. L'intero corpo vibra la testa risalta netta il dorso ricurvo si prolunga dalla sua estremità e la tensione delle braccia tracciate diagonalmente prosegue la linea del dorso. Nessun rumore eccetto quello dell'acqua che cadeva sul due corpi abbracciati. Poi si ricomincia. Poi silenzio. Gli toccò il viso. Le sfiora le palpebre con la punta delle dita. Si voltò verso di lui. Allora cosa vuoi fare cominciò lui. Mi fa tanto piacere. Lui la invitò a uscire la portò a C ebbe rapporti intimi con lei e le propose anche di sposarla.



Indice Precedente Successiva